La casa delle voci
Categorie: ,
Genere:
Editore:
Pubblicato: 2 dicembre 2019
Numero pagine: 400
Pietro Gerber non è uno psicologo come gli altri. La sua specializzazione è l’ipnosi e i suoi pazienti hanno una cosa in comune: sono bambini. Spesso traumatizzati, segnati da eventi drammatici o in possesso di informazioni importanti sepolte nella loro fragile memoria, di cui polizia e magistrati si servono per le indagini. Pietro è il migliore di tutta Firenze, dove è conosciuto come l’addormentatore di bambini. Ma quando riceve una telefonata dall’altro capo del mondo…

Gli estranei sono il pericolo. Fidati soltanto di mamma e papà.

Donato Carrisi è una garanzia assoluta e questo non si discute…  ha la capacità di tenerti incollata alle pagine del libro dalla prima all’ultima frase. La casa delle voci è un libro bellissimo se teniamo conto della storia, dei personaggi, dei dettagli.

L’AUTORE

Donato Carrisi è nato nel 1973 a Martina Franca e vive a Roma. Dopo aver studiato giurisprudenza, si è specializzato in criminologia e scienza del comportamento. È regista oltre che sceneggiatore di serie televisive e per il cinema.

È una firma del Corriere della Sera ed è l’autore dei romanzi bestseller internazionali (tutti pubblicati da Longanesi)

Il suggeritore, Il tribunale delle anime, La donna dei fiori di carta, L’ipotesi del male, Il cacciatore del buio, La ragazza nella nebbia, – dal quale ha tratto il film omonimo con cui ha vinto il David di Donatello per il miglior regista esordiente -, Il maestro delle ombre, L’uomo del labirinto, – da cui ha tratto il film omonimo – e Il gioco del suggeritore.

 

Cosa aspettarci?

Bisogna entrare nell’ottica che ci troviamo davanti un romanzo pieno di inganni e tranelli. La suspance inoltre fa da sfondo a tutte le vicende che si aggrappano al ramo psicologico della questione.

Pietro Gaber è un addormentatore di bambini, ovvero uno psicologo infantile che attraverso l’ipnosi cerca di aiutare i più piccini a togliere dal proprio inconscio ciò che si è ben nascosto e radicato.

La sua vita sembra apparentemente tranquilla: un lavoro che lo appaga, una moglie di cui è innamorato e un bambino a cui donare amore incondizionato. Poi un giorno, riceve una strana telefonata e tutto si complica, affiora qualcosa dal passato e tutto viene messo in discussione.

“Per un bambino la famiglia è il posto più sicuro della terra. Oppure il più pericoloso.”

“La casa delle voci” è un viaggio nella mente umana, nella psiche, ma soprattutto nel catapultarci nelle paure più profonde a cui siamo soggetti. Quindi non troverai tra queste pagine delle paure astratte, ma incubi reali che alcune persone hanno affrontato.

L’autore affronta con quest’opera, alcuni temi importanti, come la violenza psicologica sui bambini.

In apparenza tale romanzo sembra più soprannaturale che thriller: spettrali voci da evitare, allucinazioni e strane visioni.

La scrittura è ammaliante, riesce a catturare chiunque e ad incutere persino un filo di timore: impossibile non rimanerne intrigati e affascinati.

Come in ogni romanzo di Carrisi, la verità emerge solo nelle battute finali e si rimane spiazzati ,con interrogativi che verranno risolti e altri che rimangono nel dubbio, lasciando cosi al lettore la libera interpretazione degli eventi.

C’è un passato da far riemergere, segreti da svelare e personaggi da collocare bene all’interno della vicenda, ma basta restare incollati alle pagine per scoprire che tutti i tasselli del puzzle vanno pian piano al loro posto.

 

L’ambientazione del romanzo è prettamente oscura, ci troviamo in una Firenze urbana molto cupa, l’autore rende l’atmosfera del libro inquietante e piena di punti in cui si evince lo scontro tra bene e male, tra giusto e sbagliato.

Con il suo ritmo semplice e incalzante, pieno di colpi di scena, di piste sbagliate e di inganni, nessuno riuscirà ad indovinare la verità, ma sicuramente la tensione resterà alta fino alla fine.

A CHI LO CONSIGLIO?

Una lettura impossibile da abbandonare per gli amanti del genere.

Il libro si fa leggere molto velocemente, i colpi di scena dissetano e il libro intrattiene bene i lettori, per tale motivo ve lo consiglio in modo smisurato.