Il vangelo proibito
Categorie: ,
Genere:
Pubblicato: 23 giugno 2011
Numero pagine: 431

Buongiorno,

oggi Federica ci porterà attraverso la sua recensione in un’ambientazione italiana ricca di colpi di scena, pericoli ed enigmi. Pronti?

TRAMA

Un’avventura mozzafiato tra storia e archeologia alla ricerca del documento più scottante di tutti i tempi. Al largo della costa siciliana Jack Howard, un archeologo di fama mondiale, e il suo collega Costas Kazantzakis, sono alla ricerca di un antico relitto, la nave che nel 60 d.C. portava san Paolo a Roma e naufragò nelle acque del Mediterraneo. Nel frattempo una scossa di terremoto apre un nuovo passaggio nella villa dei Papiri a Ercolano e riporta alla luce una camera segreta. È una scoperta sensazionale: potrebbe trattarsi dello studio privato dell’imperatore Claudio, il luogo dove avrebbe vissuto in incognito gli ultimi anni della sua vita per custodire un oscuro segreto. E così tra antiche cripte e templi dimenticati, pericoli, enigmi e rivelazioni, i due amici intraprendono un viaggio che li porterà indietro nel tempo, fino all’alba della cristianità e a un misterioso, inestimabile documento che qualcuno vorrebbe sepolto per sempre…In Vaticano diranno le loro ultime preghiere.

AUTORE

David Gibbins, canadese, è un autorevole ricercatore e archeologo. Specializzato in studi sul Mediterraneo antico, ha condotto numerose spedizioni di archeologia subacquea in tutto il mondo. È autore di cinque bestseller, che hanno venduto quasi due milioni di copie e sono stati tradotti in ventinove Paesi, tra cui Atlantis e L’oro dei crociati, pubblicati in Italia dalla Newton Compton.

RECENSIONE

Buongiorno cari lettori,
oggi vi parlo di un romanzo di genere storico, archeologico.

Questo romanzo parla di Ercolano e del mistero della Villa dei Papiri. Inoltre tratta anche la problematica del mercato degli oggetti antichi.
Nella prima parte del romanzo ci troviamo nel passato. A pochi giorni dall’eruzione del Vesuvio del ‘79 d.C. quando Tiberio Claudio Druso Nerone Germanico, conosciuto come imperatore Claudio, dopo aver inscenato la sua morte per avvelenamento nel 54 d.C., si appresta a vivere le sue ultime ore di vita.

“ da venticinque anni viveva nella sua villa alle pendici della montagna ”

Prima di morire realmente l’imperatore Claudio, però, dovette mantenere una promessa. Di cosa si tratterà?
Nel presente, invece ci troviamo al largo di Capo Murro in Sicilia, con l’archeologo Jack Howard e il suo collaboratore, l’ingegnere Costas Kazantzakis. Sono nel luogo in cui pensa sia avvenuto “il più celebre naufragio della Storia”, ovvero quello di San Paolo e  i ritrovamenti sembrano dargli ragione.
Ad Ercolano, intanto, Maurice Hiebermeyer si trova nella Villa dei Papiri

“Il più grande tesoro non ancora portato alla luce in Italia”

Un terremoto aveva aperto un antico cunicolo. Hiebermeyer, con l’aiuto di Jack e Costas, compirà una scoperta eclatante: la Historia Naturalis  e uno scheletro di un eunuco molto anziano.

Non furono le uniche scoperte; ritrovarono una serie di papiri contenenti una serie di indizi che li portano a spostarsi da Roma all’Inghilterra in cerca di risposte e di un documento che avrebbe potuto cambiare la storia dell’umanità.

Riflessioni

Devo ammettere che ho fatto difficoltà a portare a termine questa lettura. Il libro è costruito su una serie di ipotesi e varianti storiche a cui si fa fatica a credere, coincidenze o intuizioni geniali basati su fatti poco succulenti.

La scrittura, inoltre, non è scorrevole soprattutto nella prima parte del libro.
Lato positivo è l’accuratezza della presentazione dei fatti storici, che può far gola a chi ama questo genere di letture.

CONSIGLIO DI LETTURA

Libro perfetto per coloro che apprezzano le ricerche storiche e i reperti archeologici. Sicuramente è un romanzo indirizzato ad un pubblico adulto che si lascia ammaliare da luoghi e personaggi verosimili.

Consiglio la lettura a chi ama i romanzi storici, ricchi di riferimenti e con qualche tocco originale.