Autore: Laura Baldo

Editore: Words Edizioni

Genere: Fantasy

Data di uscita: 11.03.2021

Pagine:

Prezzo cartaceo: 18,90 – Ebook (2,99)

TRAMA

Le leggende di Asteria narrano di un’antica guerra e di dodici paladini che salvarono il mondo da Shaitan, il Dio Oscuro, e dalla sua razza, per poi fondare i dodici regni, separati da rigidi confini.
Questo per scongiurare la profezia su un ritorno di Shaitan, ma soprattutto per evitare il diffondersi della maledizione che colpisce i figli di razze diverse. Diciassette anni fa però, due ragazzi innamorati hanno sfidato le leggi. Un’eclissi ha preceduto la nascita di due gemelli e la comparsa di una nuova costellazione: la tredicesima. 
Asteria, oggi Sheratan ha da poco appreso di essere adottato. Quello che non sa è che il ragazzo misterioso che gli appare in sogno è suo fratello gemello, Ahriman, che sta spezzando a uno a uno i sigilli della prigione del Dio Oscuro. Con lui c’è Melqart, ultimo della sua razza che, con l’aiuto dei popoli nomadi delle Terre di Nessuno intende sottomettere i dodici regni. Quando l’invasione comincia, Sheratan inizierà la ricerca degli antichi paladini, che lo porterà a scontrarsi con la realtà che riguarda le proprie origini. 

L’AUTRICE


Laura Baldo è nata e vive a Trento. Ha la passione per la lettura, i viaggi, gli animali, l’opera lirica e, di recente, la scrittura. Alcuni suoi racconti, finalisti o segnalati in concorsi, sono stati pubblicati in antologie e online. Nel dicembre 2019 è uscito il suo primo romanzo Qualunque sia il tuo nome (HarperCollins), vincitore del concorso “e-Love Talent 2019”. A giugno 2020 è uscito il giallo breve La salvatrice di libri orfani (Alcheringa).
Attualmente collabora con la rivista culturale “Alibi Online”, scrive recensioni per il blog “A libro aperto” e inventa fiabe stravaganti per il sito “Piccoli grandi sognatori”.
A febbraio 2021 è uscito Il lato sbagliato del cielo (Arkadia), ambientato durante la Seconda guerra mondiale, periodo storico di cui si è appassionata. Per la serie Il tredicesimo segno, che sarà pubblicata da
Words Edizioni, sta lavorando a due prequel.

ESTRATTI

Ahri non aveva mai visto niente del genere. Non in carne e ossa, almeno. Però, somigliava in modo inquietante al suo marchio natale, il serpente blu arrotolato intorno alla spalla destra. Per un istante, si limitò a fissarlo, chiedendosi se fosse il caso di preoccuparsi. Non era la prima volta che parlava con degli animali, ma capivano solo termini semplici come cibo, pericolo, mordere. Non capivano affatto i concetti troppo astratti e dopo un po’ lui aveva perso interesse. Gli sembrava una capacità inutile, sebbene il maestro gli avesse spiegato che nessun altro ce l’aveva. Questa creatura però era diversa: sembrava intelligente. E pericolosa.

Quando alzò di nuovo lo sguardo, in cielo erano comparse le prime stelle. Di fronte a lui, appena sopra la distesa porpora del mare, spiccavano le due brillanti stelle rosse della costellazione comparsa tredici anni prima, la notte della sua nascita. Disegnava una sorta di serpente, di cui le due stelle rosse erano gli occhi.
Shera ne era sempre stato affascinato. Però, quando aveva chiesto se accadesse spesso che comparissero nuove stelle, i vecchi del villaggio si erano chiusi in un mutismo cupo, scuotendo le teste canute. Lui pensava che forse al disegno se ne sarebbero aggiunte altre, e magari non sarebbe più stato un serpente ma qualcosa di diverso. Erano parsi ancora più turbati quando l’aveva suggerito.
Anche il padre, notò, aveva lo sguardo rivolto alle stelle. La sua espressione però non era intimorita, né affascinata. Sembrava piuttosto di sfida.