L’Acqua è uno tra i liquidi maggiormente disponibili e più utilizzati, ma è anche uno tra i meno conosciuti. Tutt’ora viene studiata e analizzata da grandi studiosi che dedicano tempo e mente a questo misterioso materiale.

Anche studiando altri pianeti, una delle prime cose che vengono appurate dagli scienziati è la presenza o meno di acqua. Questo perché l’acqua è indispensabile per la sopravvivenza e se ci fosse acqua anche su altri pianeti, si potrebbe pensare ad una vita futura su quel pianeta.

Cosa ci viene da dire pensando all’acqua?
  1. La sua struttura è formata da un atomo di ossigeno con carica negativa e da 2 di idrogeno con carica positiva.
  2. l’acqua bolle a 100°C
  3. l’acqua congela a 0°C
  4. Gli stadi dell’acqua sono: solido, liquido e gassoso
  5. L’acqua è un liquido trasparente e insapore

Le informazioni che tratteremo adesso sono un pò meno ovvie e sicuramente saranno caratteristiche interessanti da tenere in considerazione.

1. L’ACQUA COME VITA E NASCITA

Senza acqua noi tutti non saremmo nel posto in cui siamo ed ovviamente non saremmo vivi e la cosa più brutta è darlo per scontato . Questo trasparente liquido ha avuto sin dalla notte dei tempi un ruolo fondamentale per lo sviluppo delle società. Risulta essere indispensabile per la crescita di ogni essere vivente.

Sappiamo per certo attraverso la storia e i diversi studi archeologici che tutte le prime civiltà vivevano e si sviluppavano lungo le rive dei fiumi o di piccoli corsi di acqua.

Tra le civiltà più importanti che possiamo citare troviamo:

  1. le civiltà egizie che si svilupparono lungo il fiume Nilo
  2. le civiltà mesopotamiche che si svilupparono lungo le sponde del Tigri e dell’Eufrate.
  3. l’India che si sviluppò lungo il fiume Gange.
L’acqua come sviluppo

La vicinanza di una fonte d’acqua vicino gli accampamenti era un’opportunità in diversi campi.

Era l’elemento indispensabile per avere un’agricoltura fiorente poiché rendeva il suolo più fertile e più ricco di sostanze che permettevano di avere raccolti abbondanti e rigogliosi.

Nei corsi d’acqua era possibile pescare, quindi trovare sempre di cosa cibarsi, piccoli molluschi o pesci di ogni genere.

L’utilizzo dell’acqua corrente rendeva più facile lavare utensili di vario genere, vestiti e se stessi. Chi viveva più spostato nell’entroterra doveva farlo molto meno spesso perché l’acqua bisognava trasportarla per lunghi tratti o raccoglierla in diversi modi e poi filtrarla.

L’acqua rendeva più facile anche la cucina, i trasporti, le esportazioni e le comunicazioni con altri popoli.

Svantaggi

Come ogni medaglia che si rispetti, anche l’acqua ha alcune insidie da tenere sotto controllo. Tra le più evidenti troviamo:

  • Le tempeste e le mareggiate che arrivano con violenza e spesso senza preavviso sono delle forze distruttrici che possono abbattere qualsiasi imbarcazione o costruzione che si trova lungo le coste. Possono abbattere ponti in legno o rovinare i terreni coltivati allagando tutta la zona circostante o provocare delle frane e portare detriti ovunque.
  • I corsi di acqua solitamente sono molto apprezzati da ogni specie vivente. E come la vegetazione è bella fiorente nei pressi dei fiumi, così è tanto facile imbattersi in animali selvaggi in cerca di acqua e cibo.
  • Allo stesso modo era facile imbattersi in altre popolazioni che si accampavano lì e non tutte erano tanto pacifiche e per tale motivo si rischiava di essere più soggetti a incursioni di popolazioni esterne.

Ogni cosa in natura è composta da acqua: le piante, il cibo, il nostro corpo e persino l’aria che respiriamo ogni giorno.

Per questi e tanti altri motivi che vedremo in altri articoli l’acqua viene vista come simbolo di vita e nascita.

Tale liquido è legato alla nascita poiché se ci pensiamo bene noi ci formiamo nella pancia della nostra mamma, ma nella pancia intorno a noi c’è tanta acqua. Infatti quando il feto decide di essere pronto, prima di venire fuori dalla placenta e dalla pancia della mamma vi attua un processo che è chiamato: Rottura delle acque.

Quel liquido acquoso prende il nome di Liquido amniotico ed è ciò che si crea nella placenta per difendere il feto da traumi esterni o da ipotetiche infezioni. Tale liquido inoltre viene associato all’energia fecondatrice che aiuta ed alimenta l’operato del seme virile.

 

Antichi popoli pregavano una Madre Acqua per favorire la maternità nelle donne del villaggio. Le spose Tartare invece, soprattutto quelle sterili si recavano presso degli stagni e lì si inginocchiavano per lunghe preghiere per cercare di sbloccare qualcosa e ritornare feconde.

2. L’ACQUA COME SOLVENTE

In ambito chimico l’acqua è un solvente universale e questa caratteristica consente lo svolgersi di diverse reazioni chimiche alla base della nostra vita.

Sappiamo con l’esperienza della vita quotidiana che all’interno dell’acqua si disciolgono diverse sostanze.

  • sostanza ioniche come il cloruro di sodio o sale da cucina
  • sostanze con molecole polari come il saccarosio o zucchero
  • sostanze gassose come l’ossigeno e l’anidride carbonica

Non si disciolgono invece nell’acqua altre sostanze come olio o benzina.

Quando un composto viene disciolto in acqua, le molecole di acqua si inseriranno tra una molecola e un’altra del composto inserito. Questo avviene sempre in base alla carica che hanno e si otterrà una Rottura della struttura cristallina originaria. Otterremo così in fine che ogni molecola del composto inserito sarà circondata da molecole di acqua che interagiscono insieme. Questa nuova struttura apporterà ovviamente anche delle modifiche nell’acqua stessa.

  1. Variazione della pressione osmotica
  2. Aumento del punto di ebollizione
  3. Diminuzione del punto di congelamento

 

3. L’ACQUA IN MAGIA

L’acqua l’elemento legato alla divinazione per eccellenza nella Wicca e in molti altri culti e tradizioni. Una ciotola d’acqua con fondo scuro o d’argento può consentire la “visione”. È una tecnica simile a quella usata per ottenere visioni con la sfera di cristallo o con lo specchio: un ambiente buio, tranquillo, una candela accesa e poi si può fissare l’acqua alla ricerca della nostra “visione”. È una tecnica semplice perché tutti possiamo recuperare dell’acqua, ma al contempo complessa perché fissando la superficie dell’acqua dovremo cercare di entrare in uno stato di coscienza alterata, una sorta di autoipnosi che ci condurrà nel mondo della visione.

In tutte le culture tale liquido è quindi simbolo di Benessere, Rinnovamento, Purificazione e Benedizione.

In tutte le antiche civiltà vi era la convinzione che la molteplicità della natura era riconducibile alla combinazione dei 5 elementi alchemici: Aria, Terra, Acqua, Fuoco e Spirito. Il simbolo dell’acqua inoltre lo vediamo raffigurato in diversi libri di magia come un triangolo con il vertice rivolto verso il basso.

Sin dalla notte dei tempi si adorava l’acqua e tutte quelle vocine che lo scrosciare dell’acqua porta con se. Quelle voci che qualcuno ascoltava nel rumore che le acque fanno erano riconducibili a divinità e proprio quelle vocine erano il segno visibile che qualcuno era li ad ascoltarli.

L’acqua era dunque adorata come:

  • fonte di eterna giovinezza
  • sede di buone e cattive divinità

Nelle sacre scritture, le credenze pagane e popolari documentano come era affermata l’idea dell’esistenza di una sorgente le cui acque potevano assicurare l’immortalità.

Tale elemento era molto ricorrente nella Genesi e possiamo ricordare alcuni episodi:

  1. il Diluvio universale dove l’acqua viene vista come l’elemento che purifica ogni cosa, si infiltra in ogni angolo del mondo per cancellare l’ingiustizia terrena e salvare solo i prediletti.
  2. Attraversamento del Mar Rosso da parte di Mosè e degli Israeliti
  3. il Battesimo cristiano che prevede come principale elemento di purificazione l’acqua che andrà a cancellare tutti i peccati del bambino.

Altre informazioni utili in magia e nel mondo degli occultisti è sapere che l’acqua non viene mai utilizzata per i rituali così com’è, ma viene solitamente prima informata e caricata.

L’acqua usata nei rituali solitamente viene prima purificata e caricata attraverso i raggi solari o lunari, attraverso brevi frasi e piccole etichette che caricheranno l’acqua di buoni propositi.

Fonti
  1. Proprietà dell’acqua:
    https://www.youtube.com/watch?reload=9&v=DvXSthDJGGU
  2. I principi della Wicca, a cura di Cronos e Carmilla, Athame, rivista di wicca e paganesimo
  3. wikipedia:https://it.wikipedia.org/wiki/Acqua
  4. conferenza di Francesco Di Giuseppe (2016)
  5. Studiare l’acqua:
https://www.youtube.com/watch?time_continue=492&v=t4TDbxWrL2o