Non bisogna essere normali per diventare eroi

ParaNorman

Famiglia, Animazione, Avventura, Commedia

20121 h 32 min
Metadata
Titolo Originale ParaNorman
Lingue English
Paese di produzione  United States of America
Durata 1 h 32 min
Data di uscita 3 Agosto 2012

 

 

ParaNorman, un film d’animazione del 2012 diretto da Sam Fell e Chris Butler e  prodotto da Laika Entertainment. Questo film inoltre è stato girato utilizzando la tecnologia stop-motion.

Giocando con i classici dell’orrore, i due registi osano in modo davvero unico. Danno vita ad un cartoon in plastilina e 3D che appassiona i più grandi ma soprattutto i piccini, grazie ad atmosfere cupe, zombie, fantasmi, rimandi cinematografici, streghe e scene orrorifiche del passato, realizzando così un autentico capolavoro che resta in perfetto equilibrio tra tradizione e modernità .

Il piccolo protagonista della pellicola “Paranorman” è un solitario e taciturno ragazzino che fatica a fare amicizia perchè decisamente introverso.

Poster for the movie ""

La pellicola inizia proprio facendo sapere a tutti noi che lui ha un dono. Vede e può parlare con i morti. Questa peculiarità abbastanza invadente di certo non lo aiuta e nessuno gli crede.

Il povero Norman è circondato dai fantasmi, ma è deriso della città intera. Viene considerato il povero pazzo da evitare perchè strano, diverso e con le rotelle fuori posto. Neanche in famiglia lo stanno troppo a sentire. Nella maggior parte del tempo viene ignorato e il padre lo guarda quasi con terrore. La sorella lo evita come la peste. La mamma non prende mai posizione e cerca di dargli solo qualche dritta. Solo la nonna, che è ormai defunta, gli sta vicino e sferruzza la sua lana fantasma, mentre manda giù decine di film horror alla tv con suo nipote.

Tutto cambierà quando uno zio ritenuto matto gli comunicherà poco prima di morire che ora tocca a lui tenere lontani i morti viventi e la maledizione di una delle streghe bruciate secoli prima.

Al suo fianco si ritroverà solo un bimbetto cicciotello e simpaticissimo, deriso anche lui a scuola perché è grasso.

Nell’avventura contro la maledizione si ritroverà al suo fianco:

  • il bambino cicciottello pronto a tutto;
  • la sorella bionda e schizzinosa, che definire ‘ochetta’ è dire poco;
  • il fratello muscoloso del bimbo cicciottello, che è tutto muscoli e poco cervello;
  • il matto del Paese, che da sempre dispensa verità mai prese in considerazione;
  • l’insopportabile bullo della scuola, macho fuori ma rammollito dentro; e
  • ovviamente gli zombie, tutt’altro che crudeli e addirittura terrorizzati dagli umani. Perché siamo proprio noi, quando vogliamo, a trasformarci in mostri. Cattivi con chiunque, pronti a giudicare chi ci è vicino, a far del male, fisicamente  e verbalmente, armati di forconi, torce infuocate e insulti gratuiti.

Paranoman ci fa ridere e riflette, ridando luce ad una verità assoluta, troppo spesso taciuta, che ci vuole tutti ‘identici’.

Ci hanno donato un’animazione spettacolare, e di una complessità abnorme giocando con luoghi comuni sociali e cinematografici, senza dimenticarsi la parte comica e divertente. Ci saranno tante risate. Vi è tanto divertimento, da associare ad una ricca dose di azione.

Siccome è un vero horror comico, si ride moltissimo e mette in ridicolo le figure di potere e aiuta a sovvertire l’ordine naturale delle cose .

Consigliato? sicuramente si, imperdibile è dire poco.